+39 02 58302122

I migliori agriturismi
della Lombardia

Notizie da Agriturist

Mille Miglia: strumento di promozione

Giuseppe Cavagna di Gualdana sottolinea come possa essere un modo

per far conoscere il territorio e valorizzarlo

 

“La Mille Miglia è legata profondamente al nostro Territorio, è nata a Brescia e coincide anche con la nostra storia”. Così si è espresso Emilio Del Bono, sindaco di Brescia, alla conferenza stampa di presentazione della manifestazione, che con il 2017 festeggia la sua trentacinquesima edizione rievocativa, in programma dal 18 al 21 maggio. E in effetti, bastano già le parole del primo cittadino per sottolineare come questa gara, al di là della valenza sportiva, intrecci un rapporto strettissimo con il territorio italiano. E con quello lombardo, in particolare, considerando che proprio al di qua del Po è stato previsto come da tradizione il nastro di partenza. A sottolineare questo legame è anche Giuseppe Cavagna di Gualdana, presidente di Confagricoltura Pavia, consigliere di Pavia per Agriturist Lombardia, titolare dell’azienda agrituristica La Duronetta di Voghera (PV), nonché forte appassionato di auto d’epoca, di cui possiede diversi esemplari. “Proprio alla luce della mia attività lavorativa ma anche delle mie passioni, mi sento di dire che la Mille Miglia può e deve essere considerata un incredibile strumento di promozione. E questo per quanto riguarda sia il territorio sia l’agricoltura vera e propria sia le aziende agrituristiche”.
Per quanto riguarda il primo punto, Cavagna di Gualdana evidenzia infatti la possibilità di scoprire strade e aree che altrimenti sarebbero poco conosciute o addirittura difficilmente accessibili e comunque non giustamente valorizzate. “Pensiamo per esempio alla Brianza: è una delle aree più industrializzate d’Europa, eppure gli appassionati d’auto d’epoca sanno bene che lì è possibile ritrovarsi all’interno di scenari ambientali incantevoli”. Ma lo stesso ragionamento vale anche per alcune province, come ad esempio quelle di Brescia e di Milano. “Tutti conoscono la prima per gli impianti siderurgici, dimenticando però che è la provincia agricola più importante della Lombardia. Che dire poi di Milano, che a dispetto dell’immaginario comune, è circondata da un contesto agricolo di primo piano?”. Ecco quindi uno dei meriti della Mille Miglia: far conoscere la Lombardia come una Regione non solo ad alta densità industriale ma anche realmente suggestiva da un punto di vista naturalistico.
A beneficiarne, sarebbe poi l’agricoltura stessa, che potrebbe così smarcarsi dall’immagine spesso attribuitole. “Si tende a pensare al settore primario come a qualcosa legato al passato; in realtà è sempre più sinonimo di innovazione e tecnologia. Certo, però, una tale evoluzione va comunque comunicata, facendo forza anche su canali e strumenti non tradizionali, quale può essere appunto una manifestazione come la Mille Miglia”. Un altro soggetto che sicuramente ne trarrebbe giovamento è costituito per l’appunto dalle aziende. “Durante la manifestazione, purtroppo non si ha il tempo di conoscere in profondità le realtà che si incontrano lungo il tragitto. Certo è, però, che anche una breve sosta può rappresentare un primo, importante contatto. Del resto, come ben sappiamo, l’Italia così come la Lombardia racchiudono perle di cui è facile innamorarsi anche a prima vista”. Se poi si punta anche sulle eccellenze enogastronomiche – come è non solo lecito ma anche doveroso aspettarsi – non si fa fatica a immaginare quanto felice possa essere l’abbinamento tra manifestazioni come la Mille Miglia, il territorio, la storia e la tradizione.

Leave a Reply